Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 19 apr 2021, 2:21




Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
 Tra il "super impegnato" e "l'apatico"... 
Autore Messaggio
Fondatrice
Avatar utente

Iscritto il: 9 feb 2009, 21:55
Messaggi: 895
Località: Tolentino
Messaggio Tra il "super impegnato" e "l'apatico"...
Tra il "super impegnato" e "l'apatico" c'è la via di mezzo ed è forse proprio qui che risiede la vera felicità.

Chi è il "super impegnato"? E' quella persona intenta a raggiungere i propri obiettivi professionali, in genere un grosso imprenditore o un manager... quella persona che lavora sodo ogni giorno, che nella testa non ha altro spazio se non per il lavoro. Cellulare sempre attaccato all'orecchio, ritmo frenetico, spostamenti veloci in macchina che non permettono di vedere se stai guidando sull'autostrada o sulla statale... Istruita, informata al massimo, curiosa, decisa ad apprendere ogni segreto pur di riuscire nella sua impresa. Una sorta di lavoro h24 che però non permette di vivere alcuni momenti importanti: la famiglia, i figli, un divertimento, una cena con amici.
Ecco, queste persone, ad esempio, se sono a cena con un gruppo di amici, finiscono sempre per parlare di lavoro... e dopo un po', che noia!

E gli "apatici"? Fra gli apatici possiamo inserire quelle persone che in qualche modo si sono rassegnate alla vita, che hanno smesso di vivere sia la vita affettiva che quella lavorativa. E' tutta colpa del destino, non trovano un lavoro adatto a loro... anzi proprio non c'è lavoro, sono insoddisfatte della vita di coppia, si lamentano dei figli... troppo impegnativo vivere? Allora ci rinnuncio completamente e me ne resto a guardare scoglionato... questa sembra essere la filosofia di fondo.

E quali persone sono più felici?
Le seconde, quelle apatiche, sicuramente no; le prime magari lo sono sul lavoro. Ho incontrato molti manager pienamente soddisfatti della loro carriera ma in fondo mancava loro qualcosa. In genere la frase che ho sentito è stata: "mi piacerebbe avere tempo per..."
La felicità viene dal lavoro, dai soldini che guadagni ma c'è anche bisogno di avere (e dico una cosa banale) il tempo per spenderli, il tempo per gustarli insieme alla famiglia. E in più: c'è bisogno di arricchire, oltre al conto corrente, il proprio conto emozionale. C'è bisogno di sentirsi importanti per qualcuno, di aiutare chi ne ha bisogno, di sapere che tuo figlio cresce con la carezza che riesci a fare e ad assaporare.

Allora la vera felicità è nella via di mezzo e dobbiamo impegnarci a rimanere entro tale confine. Ma mica per gli altri o per principio... solo per gustare la felicità.

“..quando mangi assapora e gusta il cibo,

quando fai una doccia senti l’acqua che scorre sulla tua pelle,

e quando passeggi per strada ammira le bellezze intorno a te..”
Osho


_________________
"Prima dí a te stesso cosa vorresti essere; poi fai ciò che devi fare." Epitteto
----------
Immagine Docente e Formatore in comunicazione efficace. Fondatrice di Comunicare PositivaMente.
Solidea Vitali è anche su: Immagine Immagine Immagine


19 mag 2010, 9:03
Profilo WWW
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 1 messaggio ] 

Chi c’è in linea

Iscritti connessi: Nessuno


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group.
Designed by STSoftware for PTF
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010

Copyright 2008-2010 Solidea Vitali P.iva 01538560432
Web Design - Luciana Lato - lldesigns