Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 12 dic 2019, 2:45




Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
 Disturbi al cuore... una questione anche di personalità 
Autore Messaggio
Fondatrice
Avatar utente

Iscritto il: 9 feb 2009, 21:55
Messaggi: 895
Località: Tolentino
Messaggio Disturbi al cuore... una questione anche di personalità
Più di una volta mi sono trovata a trattare e discutere temi come "il legame che esiste tra la nostra personalità, convinzioni, schemi mentali, abitudini e le caratteristiche fisiche, la fisiologia in generale."
Un legame forte che permette ai due elementi di influenzarsi reciprocamente.

Ed arriva una ricerca apparsa sulla rivista "Circulation: Cardiovascular Quality and Outcomes" che punta dritta a scoprire questo legame ed i suoi effetti.

Pessimisti, timorosi degli altri, talvolta infelici: sono queste le emozioni che caratterizzano i soggetti a rischio più elevato di disturbi cardiaci.

Analizzando i dati di 49 studi per un totale di 6.000 pazienti, i ricercatori dell’Università di Tiburg, nei Paesi Bassi, sono giunti alla conclusione che esiste uno stretto legame tra il tipo di personalità e l’incidenza delle malattie cardiache.

I soggetti con personalità di tipo D - caratterizzata appunto da pessimismo, infelicità e tendenza all’isolamento sociale - vanno incontro a un’ incidenza tripla di problemi di disturbi cardiaci, infarti del miocardio e disturbi della circolazione arteriosa periferica, e sono sottoposti al triplo degli interventi di bypass aorto-coronarico o angioplastica, sostengono gli autori.

"I pazienti di tipo D tendono a sperimentare livelli più elevati di ansia, irritabilità e depressione nel corso del tempo e, allo stesso tempo, non condividono queste loro emozioni con gli altri per timore di ricevere giudizi negativi", spiega l’autrice dello studio Viola Spek. "Abbiamo verificato che le personalità di tipo D sono a maggior rischio di disturbi, indipendentemente dagli altri fattori di rischio comunemente presi in considerazione dai medici".

Non solo, ma questi soggetti sembrano anche maggior rischio di disturbi psicologici come depressione e ansia. Secondo la ricercatrice, pertanto, le persone che rispondono a queste caratteristiche dovrebbero cercare il sostegno di un esperto per affrontare al meglio la loro condizione psicologica, con la possibilità di poter anche migliorare lo stato di salute del loro cuore.

Fonte: Denollet J et al. Back A General Propensity to Psychological Distress Affects Cardiovascular Outcomes: Evidence From Research on the Type D (Distressed) Personality Profile. Circ Cardiovasc Qual Outcomes 2010;3:46-557 DOI: 10.1161/CIRCOUTCOMES.109.934406


_________________
"Prima dí a te stesso cosa vorresti essere; poi fai ciò che devi fare." Epitteto
----------
Immagine Docente e Formatore in comunicazione efficace. Fondatrice di Comunicare PositivaMente.
Solidea Vitali è anche su: Immagine Immagine Immagine


21 set 2010, 19:48
Profilo WWW
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 1 messaggio ] 

Chi c’è in linea

Iscritti connessi: Nessuno


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group.
Designed by STSoftware for PTF
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010

Copyright 2008-2010 Solidea Vitali P.iva 01538560432
Web Design - Luciana Lato - lldesigns